A Pisa è nato il collettivo antipsichiatrico Antonin Artaud contro gli usi ed abusi della psichiatria.
Nessuno di noi è psichiatra, psicologo o uno "specialista " della mente ma siamo tutte persone
interessate a contrastare gli effetti nefasti che questa scienza del controllo produce sull'intero corpo sociale.
Ci sembra necessario mettere in discussione le pratiche di esclusione e segregazione indirizzate
a tutti quelli che non accettano il sistema di valori imposto dalla società.
E' arrivato il momento di rompere il silenzio che permette il brutale perpetuarsi di tutte le
pratiche psichiatriche e di smascherare l'interesse economico che si cela dietro
l'invenzione di nuove malattie per promuovere la vendita di nuovi farmaci.
Ci proponiamo di fornire:
- un aiuto legale
- informazione sui farmaci e sui loro effetti
collaterali
- denunciare le violenze e gli abusi della psichiatria

Chiunque è interessato può intervenire alle nostre assemblee che si svolgano
tutti i martedì alle 21:30 c/o lo Spazio Antagonista Newroz in via Garibaldi 72 a PISA
per info : antipsichiatriapisa@inventati.org
3357002669

attivo il nuovo sito del collettivo
www.artaudpisa.noblogs.org

domenica 19 maggio 2024

FIRENZE: sab 25 e dom 26 maggio "CONTATTO" c/o Casa del Popolo "Il Campino"

Brigata Basaglia organizza CONTATTO” a FIRENZE sabato 25 e domenica 26 maggio alla Casa del Popolo Le Panche in Via Giulio Caccini, 13b

Una due giorni per parlare di pratiche di resistenza e liberazione per la “salute mentale”. Due giornate di tavoli, laboratori, scambi di idee, creazione di connessioni, musica e spettacoliSi discuterà di salute mentale, di cura, di lotta e di comunità, dando spazio agli intrecci che questi temi hanno con il lavoro, il carcere e i cpr, la scuola, le istituzioni e i servizi sanitari, l’ecologia, l’intelligenza artificiale e molto altro.

Come Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud saremo presenti ai tavoli sabato 25/05


SABATO 25 MAGGIO

11.00 Introduzione al festival, a 100 anni dalla nascita di Franco Basaglia

11.30 Tavolo: Vecchie e nuove istituzioni: i dispositivi del controllo sociale

Nicola Valentino (Sensibili alle foglie), Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud, Vito D’Anza (ex DSM Pistoia), Caterina Pesce (autrice “Pratiche di Liberazione”), Emanuela Bavazzano (Medicina democratica), Abbatto i Muri

15.30 Tavolo: Carcere e CPR: i luoghi della disumanizzazione con SenzaNumero, Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud, Rete No CPR – Mai più lager, LasciateCIentrare, Beppe Battaglia (volontario penitenziario)

17.30 Tavolo: La scuola oltre l’omologazione con Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud, Giuseppe Dambrosio (filosofo e pedagogista), UDS, SDS, Osservatorio Antimilitarizzazione

18.00 Laboratorio di Pratiche dialogiche


Per il programma completo e info sulla due giorni:

https://www.brigatabasaglia.org/2024/04/14/contatto-2024-firenze/



 

giovedì 16 maggio 2024

LINK INTERVISTE sulla VICENDA dei MALTRATTAMENTI alla Stella Maris dal PRESIDIO davanti al tribunale di Pisa

Sotto pubblichiamo dei link dove potete ascoltare varie interviste rilasciate in occasione del presidio tenuto martedì 14 maggio davanti al tribunale di Pisa in occasione dell’ultima udienza del processo sui maltrattamenti avvenuti, nel 2016, nella struttura di Montalto di Fauglia (Pisa) destinata ad ospitare persone autistiche, gestita dalla Fondazione STELLA MARIS.

Il Riscatto
https://www.riscattopisa.it/presidio-verita-sugli-abusi-della-stella-maris/
https://www.facebook.com/share/v/YKXktrjHTGiJUNvZ/

Radio OndaRossa
https://www.ondarossa.info/newsredazione/2024/05/verita-sugli-abusi-alla-stella-maris

Controradio
https://www.controradio.it/podcast/news-line-del-14-maggio-2024-1815/

Servizio RTV 38 – Udienza processo Stella Maris 14 maggio 2024
https://www.youtube.com/watch?v=vuDlrNGD35w

 

per info e contatti:
Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
via San Lorenzo 38, 56100 Pisa
antipsichiatriapisa@inventati.org
www.artaudpisa.noblogs.org 3357002669
https://www.youtube.com/@CollettivoArtaud

mercoledì 15 maggio 2024

LINK VIDEO TRASMISSIONE “Il Diritto Fragile” dove abbiamo parlato della vicenda dei MALTRATTAMENTI alla Stella Maris

 Questo sotto è il link per vedere la trasmissione “il Diritto Fragile” dell’associazione Radicale “Diritti alla Follia” a cui abbiamo partecipato, come collettivo Artaud, per parlare del presidio di martedì 14 maggio, degli aggiornamenti sulla vicenda processuale, compreso il tappeto contenitivo, riguardo ai maltrattamenti avvenuti nell’estate del 2016 all’interno della struttura di Montalto di Fauglia (Pisa) gestita dalla Fondazione STELLA MARIS.

https://www.facebook.com/watch/live/?ref=watch_permalink&v=1949730692152068

 

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
via San Lorenzo 38, 56100 Pisa
antipsichiatriapisa@inventati.org
www.artaudpisa.noblogs.org 3357002669

venerdì 10 maggio 2024

RACCOLTA SCRITTI PERSONE RINCHIUSE in STRUTTURE PSICHIATRICHE

Su invito di una persona che si trova in una condizione di reclusione psichiatrica mettiamo a disposizione i nostri indirizzi email con l’intento di raccogliere testimonianze, racconti, scritti e narrazioni di coloro che si ritrovano in strutture psichiatriche come SPDC (Servizi Psichiatrici Diagnosi e Cura), REMS (Residenze per l’Esecuzione della Misura di Sicurezza) o Strutture Residenziali Psichiatriche chiuse.


Gli obiettivi principali sono innanzitutto dare voce a chi non ne ha, riuscendo possibilmente a mettersi/li in relazione ed inoltre rendere pubbliche tali testimonianze (con il consenso della persona e rispettandone l'anonimato) attraverso un'eventuale pubblicazione quanto più possibile periodica.

Rete Assemblea Antipsichiatrica


Per info o invio testimonianze:
assembleaantipsichiatrica@inventati.org - https://assembleareteantipsichiatrica.noblogs.org/blog/

antipsichiatriapisa@inventati.org

Il PROSSIMO SPORTELLO D’ASCOLTO CI SARA’ LUNEDì 13 MAGGIO

 Vi informiamo che lo SPORTELLO D’ASCOLTO ANTIPSICHIATRICO previsto per martedì prossimo non sarà effettuato perché  martedì 14 maggio alle ore 11 saremo ancora una volta in PRESIDIO davanti al Tribunale di Pisa dove si terrà una nuova udienza per i maltrattamenti avvenuti nella struttura di Montalto di Fauglia gestita dalla Fondazione STELLA MARIS.

INVITIAMO TUTT* a PARTECIPARE al Presidio

Lo SPORTELLO si terrà regolarmente lunedì 13 maggio 2024 allo stesso orario, dalle ore 15:30 alle 18:30 presso la nostra sede in via San Lorenzo 38 a Pisa. Per eventuali urgenze e per fissare eventuali incontri telefonateci al 335 7002669 oppure contattateci via mail a antipsichiatriapisa@inventati.org

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
via San Lorenzo 38, 56100 Pisa
antipsichiatriapisa@inventati.org
www.artaudpisa.noblogs.org 3357002669

sabato 4 maggio 2024

PISA 14/05 PRESIDIO di SOLIDARIETA': VERITA’ SUGLI ABUSI ALLA STELLA MARIS! SOLIDARIETA’ ALLE VITTIME DEI MALTRATTAMENTI !

 

MARTEDI’ 14 MAGGIO ORE 11

presso il Tribunale di Pisa in Piazza della Repubblica

PRESIDIO di SOLIDARIETA’

VERITA’ SUGLI ABUSI ALLA STELLA MARIS!

SOLIDARIETA’ ALLE VITTIME DEI MALTRATTAMENTI !

COLLETTIVO ANTIPSICHIATRICO ANTONIN ARTAUD

antipsichiatriapisa@inventati.org


mercoledì 1 maggio 2024

PISA MARTEDì 14 MAGGIO PRESIDIO di SOLIEDARIETA' c/o tribunale di Pisa VERITA’ SUGLI ABUSI ALLA STELLA MARIS!

 VERITA’ SUGLI ABUSI ALLA STELLA MARIS, SOLIDARIETA’ ALLE VITTIME DEI MALTRATTAMENTI !

Il 14 maggio 2024 alle ore 11 saremo ancora una volta davanti al Tribunale di Pisa dove si terrà una nuova udienza per i maltrattamenti avvenuti nella struttura di Montalto di Fauglia destinata ad ospitare persone autistiche, gestita dalla Fondazione STELLA MARIS. In questa ulteriore udienza dovrebbero venire ascoltati i testimoni della difesa.

Nell’estate del 2016, in seguito alla denuncia dei genitori di un giovane ospite, la struttura è stata posta sotto controllo con l’installazione di microcamere e, dopo tre mesi di intercettazioni, la Procura di Pisa, dopo aver accumulato prove evidenti, ha configurato l’ipotesi di reato per maltrattamenti. Tra gli ospiti della residenza, ricordiamo Mattia, morto successivamente nel 2018 per soffocamento, in seguito al blocco della glottide dovuto molto probabilmente al prolungato e eccessivo uso di psicofarmaci. I continui cambi di terapia avevano comportato disfunzionalità e rischi al momento dei pasti di cui la famiglia afferma di non essere mai stata informata. Per questa vicenda è in corso un altro procedimento penale, il processo in primo grado si è chiuso con nessuna responsabilità da parte dei medici e della struttura.

Il processo per maltrattamenti sta andando avanti da più di 6 anni con estrema lentezza: le udienze sono troppo diradate se si considera l’elevatissimo numero di persone invitate a testimoniare. Si tratta, infatti, del più grande processo sulla disabilità in Italia. Nel periodo della pandemia (caso unico nella storia della giustizia pisana) è stato ospitato nel Palazzo dei Congressi di Pisa.

Al momento gli imputati sono 15, tra essi le due dottoresse che gestivano la struttura e il Direttore Sanitario della Stella Maris. Due imputati sono usciti di scena: un operatore che ha patteggiato la pena e il Direttore generale Roberto Cutajar che, avendo scelto il rito abbreviato, è stato dapprima condannato a 2 anni e 8 mesi di reclusione, poi è stato assolto nel processo d’appello.

I genitori e i tutori e altri testimoni già ascoltati hanno riportato le violenze subite dai ragazzi di Montalto e documentate dalle videoregistrazioni che testimoniano più di 280 episodi di violenza in meno di quattro mesi, una violenza – quindi – non episodica ma strutturale. Durante l’ultima udienza una delle dottoresse ha dichiarato che a Montalto di Fauglia venivano usati, in caso di crisi degli ospiti, i cosiddetti “tappeti contenitivi”. Il tappeto contenitivo funziona in un modo semplice: il paziente viene immobilizzato, contenuto e arrotolato nel tappeto.

Come ha scritto nella sua relazione il consulente tecnico, professor Alfredo Verde, chiamato a relazionare sui fatti avvenuti: « Leggendo gli atti del presente procedimento abbiamo rinvenuto sicuramente la menzione di una lunga tradizione di abuso e violenza da parte degli operatori, radicata negli anni, e in parte tollerata, in parte ignorata della direzione delle strutture”. Ed ancora: “In queste situazioni si sviluppano degenerazioni in cui la violenza e la sopraffazione divengono gli strumenti usati ogni giorno, e l’istituzione perde le sue caratteristiche terapeutiche per divenire un luogo meramente coercitivo e afflittivo. Il comportamento degli operatori è apparso tipico delle istituzioni totali » . Per questi motivi, e per ricordare tutte le vittime degli abusi psichiatrici che ancora oggi vengono perpetrati ai danni di persone private della libertà personale e non in grado di difendersi da sole, riteniamo doveroso seguire con attenzione le vicende di questo processo nell’interesse di tutte/i. Invitiamo a partecipare al PRESIDIO in SOLIDARIETA’ alle VITTIME dei MALTRATTAMENTI MARTEDI’ 14 MAGGIO ORE 11 presso il Tribunale di Pisa in Piazza della Repubblica

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud

per info: Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud via San Lorenzo 38, 56100 Pisa antipsichiatriapisa@inventati.org www.artaudpisa.noblogs.org 3357002669

domenica 28 aprile 2024

MILANO 05/05 SALUTE MENTALE, PERIFERIE, MUSICA e LOTTA c/o Spazio Comune Cuore in Gola

MILANO 5 MAGGIO 2024 c/o Spazio Comune Cuore in Gola in via Gola

il Comitato di lotta casa e territorio organizza:

UN GIORNO PER BRUNO- SALUTE MENTALE, PERIFERIE, MUSICA E LOTTA

dalle 13 PRANZO CONDIVISO

dalle 15:30 DISCUSSIONE insieme a:

Mensa Occupata (Napoli)

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud (Pisa)

Brigata Basaglia (Milano)

dalle 17 CONCERTO

 

mercoledì 24 aprile 2024

FIRENZE sabato 27/04 RIDE 4 SUNBIRDS per GAZA c/o Casa del Popolo di San Niccolò


 FIRENZE SABATO 27 APRILE c/o Casa del Popolo di San Niccolò 

RIDE 4 SUNBIRDS 700 km in BICICLETTA per GAZA

TAPPA a FIRENZE

ore 20 APERICENA a SOSTEGNO del progetto RIDE 4 SUNBIRDS

ore 21 PRESENTAZIONE del PROGETTO

organizzano:

Casa del Popolo di San Niccolò

Collettivo di fabbrica lavoratori GKN

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud

martedì 23 aprile 2024

VIDEO REGISTRAZIONE INCONTRO ONLINE con SAMAH JABR a Cesena c/o Spazio Libertario Sole e Baleno

 https://www.youtube.com/watch?v=-NlaotZ1jHQ

A questo link potete trovare il video dell'incontro online che, come collettivo Artaud,  abbiamo fatto con Samah Jabr dalla Palestina venerdì 19 aprile 2024 presso lo spazio libertario Sole e Baleno di Cesena. Samah Jabr dal 2016 è coordinatrice dei Dipartimenti di Salute mentale palestinesi di Gaza e Cisgiordania presso il Ministero della sanità palestinese. Samah Jabr è anche autrice di due libri: "Sumud - Resistere all'oppressione" e di "Dietro i fronti - Cronache di una psicoterapeuta palestinese", editi in italiano da Sensibili alle foglie.

lunedì 22 aprile 2024

SOLIDARIETÀ ANTIPSI/ANTI-INPS

 Riceviamo e pubblichiamo...

SOLIDARIETÀ ANTIPSI/ANTI-INPS

Scriviamo questo testo per rompere il silenzio su quanto sta accadendo ad un compagno, per portargli la nostra solidarietà e complicità, e per condividere la sua storia, consapevoli che come la sua ce ne sono molte altre.

Un compagno che percepisce una pensione di invalidità sta subendo la ritorsione di vedersela quasi totalmente sottratta perché l’INPS, a seguito della verifica dei requisiti – a posteriori – per il reddito di cittadinanza percepito tra il 2021 e il 2022, ritiene non ne avesse diritto.

Si parla di una cifra complessiva di 7000 euro.

Per riavere i soldi indietro l’INPS intende però, da maggio, decurtargli quasi il 90% dell’invalidità, rischiando così di compromettere un intero percorso di emancipazione.

Inutile dire quanto questo metterebbe seriamente in difficoltà la quotidianità del compagno, che da anni non solo lotta per la sua autodeterminazione, ma contro un paradigma medico-psichiatrico in cui senza una rete sociale o un welfare familiare, non si ha nessuna reale scelta.

Non possiamo accettare che per riavere il reddito di cittadinanza lo Stato sottragga ad una persona tutta l’invalidità prelevandogli quel poco che le permetteva a malapena di fare fronte alle necessità primarie.

Durante la pandemia le difficoltà sono state tante, e così il compagno, come tante persone, ha fatto domanda per il reddito di cittadinanza, on-line. Ma le insidie della digitalizzazione sono infinite, basta una crocetta o una dichiarazione scorretta, che l’onere è tuo.

Per qualche tempo il compagno ha potuto sperimentare una vita più indipendente e autonoma, dalla famiglia, dai servizi. La verifica retroattiva a posteriori irrompe nella sua vita con quella violenza secca che solo la burocrazia statale è in grado di esprimere ed esercitare.

A questo mondo chi non ce la fa a stare al passo della cultura capitalista e lavorista ultra competitiva dominante è spronato ad adeguarsi con il bastone o con la carota alle misure assistenziali, obbligato a dimostrare il proprio status di ‘persona bisognosa’ tra servizi e procedure spesso mortificanti e impersonali, in cui barcamenarsi non è affatto scontato. Servizi spesso lontani anche dalla condizione sociale delle persone ‘utenti’, che giustamente tendono a volersene sbarazzare con il rischio però di non vedersi più riconosciuta alcuna forma di diritto a condizioni di inserimento lavorativo o di lavoro ‘protetto’ nè alcun tipo di tutela.

Al momento, per quanto il debito non si possa cancellare, il compagno sta tentando ogni via possibile per fare in modo che l’invalidità non sia colpita in modo così importante, tra colloqui con figure e operatori del sistema sanitario, affinchè un’ingiustizia del genere non passi inosservata, e sportelli sociali non istituzionali che offrono anche servizi di patronato, per la possibilità di avviare anche un ricorso.

Consapevoli che non ci vanno a genio nè i servizi istituzionali paternalisti nè l’impatto che il progressivo abbandono delle misure di welfare e di sostegno ha su chi vive sulla propria pelle stigma e discriminazioni, condividiamo quanto sta accadendo al compagnx perchè pensiamo ci riguardi tuttx e chiamiamo alla solidarietà.

strappi@canaglie.org
https://antipsi.noblogs.org/post/2024/04/22/solidarieta-antipsi-anti-inps/

domenica 21 aprile 2024

RESOCONTO COLLETTIVO del VIAGGIO di SAMAH JABR in Italia

Noi, palestinesi, assomigliamo a dei papaveri rossi, dalla vita breve e fragile. La comunità internazionale non è impressionata dalla nostra bellezza e trascura di tutelarci. Al contrario, ci dice spesso che la nostra aspirazione alla liberazione è assurda e non può fiorire. Ciò nonostante, noi abbiamo fiducia nella nostra capacità collettiva di abbellire il versante brullo della montagna e di ispirare una primavera rivoluzionaria agli oppressi della terra”. (Samah Jabr)



Sabato 13 aprile Samah Jabr è tornata a Gerusalemme dopo quattro giornate di incontri che definiamo semplicemente eccezionali.
La solidarietà nei confronti del popolo Palestinese si basa prima di tutto su una valutazione razionale, storica e politica dell’importanza della sua lotta nella comune battaglia contro l’imperialismo, il colonialismo e il suprematismo, che muovono l’occupazione e l’oppressione sionista.
Ma la stessa solidarietà vive e cammina sulle gambe di una componente di fortissima empatia per la sofferenza e il dolore che il genocidio del popolo Palestinese sta subendo giorno dopo giorno.
Queste quattro iniziative dal 9 al 12 aprile – Milano, Piacenza, Pisa e Firenze – sono riuscite, grazie all'enorme rigore, semplicità, trasparenza e spessore di Samah, a cogliere entrambe le componenti della solidarietà e a ricomporle e declinarle in un unico ragionamento semplice e accessibile per ogni partecipante agli incontri.
Crediamo che gli interventi di Samah siano state semplici e profondi insieme, e siano stati fondamentali per dare risposta alla voglia di conoscenza di ogni partecipante, sia che fossero attiviste/i di organizzazioni umanitarie, militanti internazionalisti, neo-simpatizzanti per la causa palestinese spinte/i all'attivismo dal genocidio in corso, giovani studentesse/i, psicologhe/gi, psicoterapeute, educatrici e educatori, o anche curiosi o curiose mosse/i dalla voglia di capirne di più. Crediamo anche quasi impossibile attribuire categorie a tutte quelle persone che hanno dato vita e partecipato alle quattro iniziative e si sono emozionate/i o hanno rafforzato la loro scelta di solidarietà al popolo Palestinese.
Una sintesi dei quattro incontri è certamente impossibile ma certamente c'è stato un approfondimento sotto tutti i punti di vista della Resistenza sociale e politica dei Palestinesi attraverso il significato del termine “Sumud” una sorta di "resistenza attiva", di resilienza, che invitiamo ad approfondire leggendo i testi di Samah Jabr*. Una denuncia del colonialismo come elemento sempre sotto traccia nella narrazione filo-sionista, ma fondamentale per la comprensione dell’occupazione, il ruolo delle donne nei processi di resistenza, la vita spezzata delle bambine e bambini palestinesi; Samah Jabr ha raccontato il suo lavoro quotidiano con pazienti di tutte le età, oppressi da decenni di sopraffazioni, torture, restrizioni, angherie di ogni genere. Ha raccontato come il concetto di salute, fisica e mentale, non dipenda in Palestina dall’applicazione di rigidi protocolli psichiatrici, bensì dalla capacità di saper opporre una sana azione di resistenza fisica e psichica, individuale e collettiva.
Quattro iniziative eccezionali che speriamo poter riproporre con la presenza di Samah.

*Video iniziativa a Milano*
https://youtu.be/AgZNZKmBxOI

*Video iniziativa a Piacenza*
https://www.facebook.com/amnestypiacenza/videos/1218250102474879/?extid=CL-UNK-UNK-UNK-AN_GK0T-GK1C

*Video iniziativa a Pisa*
https://www.youtube.com/watch?v=HhBQ-HoQ8Cc

*Registrazione iniziativa a Firenze*
https://drive.proton.me/urls/V6JJYQ93AR#9IH1jp0t116A



Milano: CSA Vittoria – Salaam, Ragazzi dell’Olivo onlus
Piacenza: Salaam, Ragazzi dell’Olivo Piacenza – Amnesty International Piacenza – Donne in Nero di Piacenza
Pisa: Studentə per la Palestina di Pisa e Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
Firenze: CPA Firenze Sud







* libri di Samah Jabr tradotti in italiano:
Dietro i fronti, Sensibili alle foglie, 2019
Sumud, Sensibili alle foglie, 2021

sabato 20 aprile 2024

FIRENZE 25 APRILE 2024: ZAP ZONA ALTAMENTE PARTIGIANA c/o Centro Sociale il Pozzo


 Comunità di base delle Piagge

ZAP ZONA ALTAMENTE PARTIGIANA 25 APRILE 2024

c/o Centro Sociale il Pozzo in piazza I. Alpi-M. Hrovatin 2 FIRENZE

ore 9:30 camminata antifascista (da Peretola alle Piagge passando per Brozzi, i luoghi della memoria nel nostro quartiere)

ore 12:30 proiezione video “La storia di Tina, la nostra storia”

ore 13 La pastasciutta rossa (un piatto di pasta per tutti)

ore 15 I Disertori - canti di lotta e di memoria-


INTERVENTI TESTIMONIANZE di RESISTENZA:

GKN

Comunità Palestinese

Genuino Clandesttino

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud


ore 18 Premio Resistente 2024


inoltre:

Mercatino compagni ribelli

Costruiamo aquiloni di pace

Laboratorio di stampa al torchio

Merenda partigiana

Mostra fotografica ZAP 2007-2023


per info: 055 373737




martedì 16 aprile 2024

VIDEO REGISTRAZIONE dell' incontro con SAMAH JABR “DIETRO I FRONTI Quali sono le conseguenze psicologiche dell’occupazione israeliana in Palestina?” del 11/04/24

 https://www.youtube.com/watch?v=HhBQ-HoQ8Cc

a questo link potete trovare la video registrazione dell’incontro con Samah Jabr “DIETRO I FRONTI Quali sono le conseguenze psicologiche dell’occupazione israeliana in Palestina?” che abbiamo organizzato come collettivo antipsichiatrico Antonin Artaud e Studentə per la Palestina giovedì 11 aprile 2024 presso il Polo Carmignani dell’università di Pisa.


per info e contatti:

Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud

via San Lorenzo 38, 56100 Pisa

antipsichiatriapisa@inventati.org
www.artaudpisa.noblogs.org 3357002669

https://www.youtube.com/@CollettivoArtaud

venerdì 12 aprile 2024

CESENA. venerdì 19/04 INCONTRO ONLINE con SAMAH JABR c/o Sole e Baleno

VENERDI’ 19 APRILE a CESENA alle ore 19 c/o lo Spazio libertario SOLE E BALENO in via Sobborgo Valzania 27

SUMUD: SALUTE MENTALE E RESISTENZA nei TERRITORI PALESTINESI

alle ore 19 video collegamento dalla Palestina con SAMAH JABR, autrice dei libri “Sumud” e “Dietro i fronti” edizioni Sensibili alle foglie, sui traumi psicologici della popolazione palestinese a seguito dell’occupazione israeliana.

A seguire il Collettivo Antipsichiatrico ANTONIN ARTAUD presenta il lavoro di Samah Jabr

a seguire CENA Vegan

 

COMUNICATO sull'incontro di ieri, giovedì 11 aprile, con Samah Jabr allìunivarsità di Pisa

 

La sala del Polo Carmignani presso l’Università di Pisa,180 posti a sedere, completamente riempita , tantissime persone in piedi.
È stata questa l’accoglienza di ieri, giovedì 11 aprile, riservata alla professoressa Samah Jabr, scrittrice, psicoterapeuta e psichiatra palestinese, nonché dal 2016 coordinatrice dei Dipartimenti di Salute mentale palestinesi di Gaza e Cisgiordania presso il Ministero della sanità palestinese. Samah Jabr ha raccontato il suo lavoro quotidiano con pazienti di tutte le età, oppressi da decenni di sopraffazioni, di torture, di restrizioni, di angherie di tutti i tipi. Ha raccontato di come il concetto di salute, fisica e mentale non dipenda in Palestina dall’applicazione di rigidi protocolli psichiatrici, ma dalla capacità di saper opporre una sana azione di resistenza fisica e psichica, individuale e collettiva.
Sono state due ore intense di scambio con un pubblico attentissimo, studenti e studentesse universitarie accanto a persone di tutte le età. L’incontro, convocato da “Studentə per la Palestina-Pisa” e dal “Collettivo antipsichiatrico Antonin Artaud”, si è sciolto con l’appello a continuare la mobilitazione, a cominciare dalla Marcia per la Palestina prevista per sabato 13 aprile in Piazza Vittorio Emanuele a Pisa a partire dalle ore 15.

Studentə per la Palestina - Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud

domenica 7 aprile 2024

COME SE FOSSE UNA COSA NORMALE: articolo sull'ultima udienza del processo per i maltrattamenti alla Stella Maris

 

COME SE FOSSE UNA COSA NORMALE


In attesa della prossima udienza in programma il prossimo 14 maggio, abbiamo fatto alcune riflessioni sull'andamento del processo che seguiamo da circa un anno. Abbiamo impiegato un po' di tempo per rimettere a posto le idee, dopo aver assistito all'ennesima udienza (per intenderci, quella dello scorso martedì 12 marzo) del processo sui maltrattamenti ai ragazzi con disabilità ospiti della struttura di Montalto di Fauglia (Pisa) della Stella Maris. Terminato l'interrogatorio di operatori e operatrici è stato il turno delle dottoresse, Paola Salvadori (ascoltata nel corso della precedente udienza) e Patrizia Masoni.

Proprio le parole di Masoni sono quelle che ci hanno fatto più riflettere. Per il loro contenuto, certo. Ma, forse, ancora di più, per la pretesa di neutralità, di naturalità con cui sono state pronunciate.

Ha dichiarato la dottoressa Masoni, psichiatra e responsabile dell'IRM (l’Istituto di riabilitazione, l'altra struttura dipendente dalla Stella Maris, accanto alla struttura residenziale), che a Montalto di Fauglia venivano usati, in caso di crisi degli ospiti, i cosiddetti "tappeti contenitivi”. Come se fosse una cosa normale, appunto, la dottoressa ha ribadito e meglio specificato uno dei punti più oscuri emerso già anche dalle testimonianze di altri operatori. Quando qualcuno degli ospiti diventava particolarmente irascibile e ingestibile veniva giocata la carta del tappeto contenitivo.

Nella triste logica della contenzione, che ha giustificato e giustifica tuttora metodi, violenti e irrispettosi della dignità umana, di inibizione, di immobilizzazione, di privazione anche assai prolungata dell’uso del corpo (corde, camicie di forza, cinghie, cinture, stanze chiuse a chiave, contenzione farmacologica), la vicenda maltrattamenti alla Stella Maris riesce a conquistarsi un posto di tutto rispetto.

Il tappeto contenitivo funziona in un modo semplice e in un certo senso prevedibile: il paziente viene immobilizzato e arrotolato nel tappeto.

Al presidio di Fauglia, ci ricorda la dottoressa, l'idea del tappeto contenitivo comincia a prendere piede dopo che un non meglio identificato dottore americano ne aveva consigliato l’uso nel corso di un convegno di studi, esaltandone gli innegabili effetti pratici e il fatto che «questo tipo di pazienti non gradisce il contatto fisico» (sempre secondo le parole della dottoressa, qui citate letteralmente). L'altra tutt'altro che condivisibile motivazione a favore del tappeto contenitivo indicata dal medico americano era che il tappeto avrebbe consentito di avere meno problemi con le famiglie in caso di crisi dei pazienti. Ha affermato testualmente la dottoressa Masoni: «il medico ci aveva detto: ma voi in Italia non avete problemi con le assicurazioni quando i vostri pazienti si fanno male o tornano a casa con i lividi? Da noi il tappeto evita molte di queste problematiche...». E così, negli anni 2008-2009, ascoltando le parole di questo medico e presumibilmente senza accertarsi della loro veridicità e dell'effettiva possibilità di praticare una simile contenzione in Italia, anche le dottoresse della Stella Maris avrebbero cominciato a utilizzarlo nella struttura, anche se solamente nel 2014 la Regione Toscana lo avrebbe inserito tra gli strumenti contenitivi accreditati. Questo sempre secondo le parole della dottoressa Masoni: ma, al momento, a noi non risulta che questo metodo sia stato mai accreditato da nessuno, tanto meno dalla Regione Toscana. Tra l'altro gli accreditamenti dovrebbero, in ogni caso, passare dalle Unità sanitarie locali.

Nel frattempo, nella struttura si faceva di necessità virtù. All'inizio operatori e operatrici - secondo il racconto della dottoressa - si arrangiavano con quel che c'era: portavano i tappeti da casa! Solamente dopo qualche tempo sarebbe stato possibile un investimento ulteriore: la dottoressa ha raccontato che, accompagnata da altre operatrici, si sarebbe recata di persona all'Ikea a fare una scorta di tappeti a basso prezzo, come lei ha affermato. E stiamo parlando di un istituto - la Stella Maris - che ogni anno riceve dalla Regione Toscana milioni di euro.

Un'ulteriore questione riguarda il numero delle persone che avrebbero dovuto utilizzare questo tappeto contenitivo formato Ikea. Nelle testimonianze presentate al processo prima del 12 marzo alcuni operatori e la stessa dottoressa Salvadori (direttrice della Residenza Sanitaria per Disabili a Montalto dove sono avvenuti i maltrattamenti) avevano parlato della necessità di cinque persone per poterlo utilizzare: uno per arto più uno per la testa. E proprio questa disposizione avrebbe molte volte impedito l'utilizzo del tappeto a causa della carenza del personale. Il racconto della dottoressa Masoni continua, invece, con altri particolari che descrivono una realtà (se possibile) ancora peggiore, completando un quadro allucinante. La dottoressa ha, infatti, sostenuto che in realtà un solo operatore sarebbe bastato per l'utilizzo del tappeto, e proprio per facilitare un intervento di questo tipo avevano pensato di aggiungere al tappeto delle "maniglie", in modo da prendere come con una rete da pesca la persona recalcitrante per procedere successivamente alla procedura dell'arrotolamento. Dulcis in fundo: in mancanza del personale previsto per svolgere la manovra di contenimento tramite tappeto più volte gli addetti avrebbero impedito un possibile "srotolamento" del malcapitato apponendo una sedia come "fermo" sopra il tappeto arrotolato su cui poi, per completare l'opera, si sarebbero posti a sedere. Cosa che è stata raccontata da altri operatori nel corso del processo.

Dal nostro punto di vista, tutto ciò è veramente troppo. Abbiamo ancora gli occhi offesi dalle immagini scorse ormai due anni fa sullo schermo del tribunale, che testimoniavano in maniera inconfutabile le - altroché presunte... - percosse rivolte agli ospiti della struttura. Abbiamo sentito le ingiurie - pesantissime - ripetute alle stesse persone solamente per il gusto di schiacciare, sottomettere, annichilire le personalità.

Questo ulteriore retroscena ci inorridisce e allo stesso tempo ci spinge a formulare alcune - dovute – considerazioni.

L'uso dei tappeti contenitivi pone a nostro avviso alcune problematiche su due ordini di riflessione. Da una parte il piano giuridico-legale: come è possibile che un crudele quanto rozzo marchingegno di questo tipo possa essere considerato regolare? Non ci risulta che i tappeti siano presidi sanitari accreditati al pari di altri, pur crudeli, annichilenti e ugualmente inaccettabili strumenti di contenzione usati in lungo e in largo nella quasi totalità delle strutture psichiatriche di "accoglienza e cura", come ad esempio le cinghie. E se anche in qualche modo fossero stati legittimati da qualche protocollo interno, dubitiamo che si possano considerare regolari e accreditati i tappeti portati da casa o comprati all'Ikea. Sotto questo aspetto, giudice e/o avvocati di parte civile forse dovrebbero approfondire la questione per rilevare eventuali ulteriori profili di reato.

Ma quello che ci colpisce di più, al di là delle parole accomodanti della dottoressa, è un secondo aspetto della questione, le cui implicazioni vorremmo fossero ben inquadrate.

Non si possono arrotolare esseri umani in un tappeto. Le persone non si legano. Mai.

Non ci sono ragioni che possano giustificare una violenza del genere: tanto più in una istituzione di (presunta) eccellenza deputata all'"accoglienza" e alla "cura"; tanto più verso persone, ragazzi indifesi e bisognosi di altro che di trattamenti disumani e degradanti. L'oltraggio ai corpi costretti da corde e tappeti di contenzione, annichiliti dagli psicofarmaci, segregati e deumanizzati in quelle strutture sanitarie che continuano a essere istituzioni totali, costituiscono la «negazione agita» (per dirla con le parole del professor Alfredo Verde, estensore della relazione tecnica per la componente di parte civile del processo di Pisa) di quanto asserito dalla stessa Carta dei servizi del presidio di Montalto di Fauglia, dove si afferma che il modello adottato ≪mette prima di tutto al centro il paziente come persona, nella sua individualità, nei suoi bisogni relazionali e personali [...]. La nostra filosofia di intervento è 'prenderci cura' oltre che curare [...]. La nostra organizzazione è centrata sul modello del piccolo gruppo di pazienti condotto da educatori professionali e da assistenti con funzioni educative, che fungono da 'io' ausiliario o 'compagni adulti' dei pazienti, che li supportano concretamente e psicologicamente in ogni atto della vita quotidiana. [...] ogni ragazzo [...] è visto come portatore di affetti, bisogni emotivi, aspirazioni, competenze≫.

La presunta eccellenza della Stella Maris è un grande bluff. A Fauglia non si mettevano in atto cure o trattamenti terapeutici ma violenze e trattamenti degradanti e umilianti ai danni degli ospiti. Al di là di procedure, protocolli e linee guida, che possono offrire un imprimatur giuridico e professionale alla necessità, costi quel che costi, di ridurre all'impotenza una persona, tutte le pratiche di contenzione, tra cui anche i tappeti di contenzione rappresentano, oltre che una inaccettabile violenza, uno dei tanti simboli del fallimento dell'utopia psichiatrica.


Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud


Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud
via San Lorenzo 38, 56100 Pisa
antipsichiatriapisa@inventati.org
www.artaudpisa.noblogs.org 3357002669

mercoledì 3 aprile 2024

PISA: giovedì 11 aprile INCONTRO con SAMAH JABR c/o Polo Carmignani p.zza dei Cavalieri

PISA GIOVEDì 11 APRILE alle ore 17:30 c /o Polo Carmignani P.za dei Cavalieri, 8

il Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud e Studentə per la Palestina- Pisa organizzano:

DIETRO I FRONTI Quali sono le conseguenze psicologiche dell’occupazione israeliana in Palestina?

INCONTRO con SAMAH JABR con la presentazione dei libri DIETRO I FRONTI e SUMUD (edizioni Sensibili Alle Foglie)

sarà presente l’autrice

La professoressa Samah Jabr è una psichiatra, psicoterapeuta e scrittrice palestinese. Dal 2016 è direttrice dell’Unità di salute mentale presso il Ministero della Salute palestinese. Scrive articoli e libri sulle conseguenze psicologiche dell’occupazione israeliana in Palestina.

per info: antipsichiatriapisa@inventati.org

studentixpalestinapisa

iniziativa nell’ambito dell’ANTIAPARTHEID WEEK

domenica 31 marzo 2024

PISA: giovedì 11/04 INCONTRO con SAMAH JABR c/o Polo Carmignani ore 17:30

GIOVEDÌ 11 APRILE ORE 17.30 AL POLO CARMIGNANI in piazza dei Cavalieri 8 a PISA

DIETRO I FRONTI: quali sono le conseguenze psicologiche dell’occupazione israeliana in Palestina?

INCONTRO con Samah Jabr, scrittrice e psicoterapeuta palestinese, e presentazione dei suoi libri “Dietro i fronti” e “Sumud” edizioni Sensibili alle foglie

L’11 aprile avremo l'opportunità e l'onore di ospitare Samah Jabr all'università per conoscere e approfondire la lotta del popolo palestinese e la realtà della violenza israeliana a partire dall'esperienza di chi tale oppressione la studia, la vive e la combatte quotidianamente.

Samah Jabr è una scrittrice, psichiatra psicoterapeuta palestinese. Dal 2016 è direttrice dell’Unità di salute mentale presso il Ministero della Salute palestinese e scrive articoli e libri sulle conseguenze psicologiche dell’occupazione israeliana in Palestina. Attingendo alle sue osservazioni cliniche e attualizzando il discorso di Frantz Fanon, testimonia della vita quotidiana nella Palestina occupata, invitandoci a riflettere su colonialismo e diritti umani.


L'iniziativa partirà dalla presentazione di due suoi libri "Sumud" e "Dietro i fronti" editi in italiano da Sensibili alle foglie. Con lei avremo l'occasione di conoscere più in profondità le ragioni di un popolo che lotta e resiste da decenni al colonialismo e all'oppressione sionista in ogni sua forma e continuare a domandarci cosa possiamo fare e perché dobbiamo agire contro il genocidio in sostegno alla Palestina e per la sua libertà!

Iniziativa a cura del Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud di Pisa e di Studentə per la Palestina

 

giovedì 28 marzo 2024

SERIE di INCONTRI con la psicoterapeuta e scrittrice palestinese SAMAH JABR

 

SERIE di INCONTRI con la psicoterapeuta e scrittrice palestinese SAMAH JABR

MILANO - martedì 9 aprile ore 21 c/o Csa Vittoria via Friuli angolo via Muratori, organizzano: Saalam Ragazzi dell'Ulivo e Csa Vittoria.

PIACENZA - mercoledì 10 aprile ore 17.30 c/o Il Samaritano via Giordani 14, organizzano: Salaam Ragazzi dell'olivo, Amensty International Piacenza, Donne in Nero Piacenza. 

PISA - giovedì 11 aprile ore 17:30 c/o Polo Carmignani piazza dei Cavalieri 8, organizzano: Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud e Studentə per la Palestina - Pisa.

FIRENZE- venerdì 12 aprile ore 18 c/o CPA Firenze Sud via Villamagna 27/a organizzano: Cpa Fi-sud, aderiscono Firenze per la Palestina e Comunità palestinese

Dopo aver diretto per 10 anni il centro di salute mentale del distretto di Ramallah, è diventata presidente dell'Unità di salute mentale presso il Ministero della Salute Palestinese. Scrittrice di 2 libri “Dietro i Fronti” e “Sumud resistere all’occupazione”, editi in Italia da Sensibili alle Foglie, che possiamo certamente definire dei manifesti dell’orgoglio e della dignità Palestinese.

... Noi, palestinesi, assomigliamo a dei papaveri rossi, dalla vita breve e fragile. La comunità internazionale non è impressionata dalla nostra bellezza e trascura di tutelarci. Al contrario, ci dice spesso che la nostra aspirazione alla liberazione è assurda e non può fiorire. Ciò nonostante, noi abbiamo fiducia nella nostra capacità collettiva di abbellire il versante brullo della montagna e di ispirare una primavera rivoluzionaria agli oppressi della terra”.



Collettivo Antipsichiatrico "Antonin Artaud" Pisa - 2007 antipsichiatriapisa@inventati.org